La Strada delle Grandi Alpi è caratterizzata da una storia peculiare ed è segnalata nelle guide, sulle cartine, lungo le vie della circolazione… “Consentire ai turisti del mondo interi di ammirare le Alpi”: questo era il progetto che animava il Presidente del Touring Club de France che creò la Strada delle Grandi Alpi. Oggi la natura che circonda la strada è da ammirare, da contemplare.

  • borne-route-grandes-alpes-valloire-galibier-web

    Con la Belle Epoque, la strada torna protagonista. La società ferroviaria Parigi – Lione – Mediterraneo rilancia la sua popolarità con una grande campagna pubblicitaria. Negli Anni Trenta più di 25.000 persone percorrono ogni anno il tragitto da Nizza a Thonon con i collegamenti regolari della società P.L.M

    (Parigi-Lione-Marsiglia)

    All’epoca il tragitto comprendeva 6 tappe:

    • 1 – Da Nizza a Barcelonnette,
    • 2 – Da Barcelonnette a Brianzone,
    • 3 – Da Brianzone a Grenoble,
    • 4 – Da Grenoble ad Annecy,
    • 5 – Da Annecy a Chamonix,
    • 6 – Da Chamonix a Evian.

Negli Anni Settanta un servizio di autolinee effettuava in estate il tragitto andata-ritorno in navetta tra Chamonix e Nizza passando dal Colle del Galibier.

Oggi la Strada delle Grandi Alpi consente di entrare in contatto con le ricchezze naturali e culturali del territorio alpino francese che attraversa da una parte all’altra. Da Thonon-les-Bains a Mentone, con i suoi 684 km di strada, i 16 colli di cui 6 a oltre 2000 metri di quota e i suoi 15.700 metri di dislivello, può essere integralmente praticata da giugno all’inizio di ottobre.

route-des-grandes-alpes-valloire-galibier-web